Ecco come i ladri entrano in casa superando i sistemi di allarme

Pubblicato: 12 maggio 2014 in Shopping
Tag:, , ,

Non tutti i dispositivi antintrusione funzionano correttamente, e non tutti i sistemi di allarme sono efficaci contro i ladri, se ne sono accorti i migliaia di proprietari di case e appartamenti che negli ultimi anni hanno subito furti o effrazioni in casa. Spesso le abitazioni saccheggiate presentano regolari sistemi di allarme o altri dispositivi antintrusione, ma che, evidentemente non sono riusciti a fermare i malintenzionati, che hanno dunque avuto libero accesso. Questa non è una situazione estrema o rara, al contrario possibile se i sistemi antifurto non sono aggiornati. Come è possibile superare i presidi di sicurezza installati portando a termine il furto ugualmente?

Il primo alleato dei topi d’appartamento sono i jammer portatili, dispositivi elettronici capaci di disinibire le onde radio utilizzate dagli allarmi per comunicare un furto in corso. Il jammer intercetta le onde radio emesse dalle centraline antifurto e le blocca o le distorce impedendo di comunicare l’effrazione al presidio di pubblica sicurezza o istituto di vigilanza. Ma i ladri hanno sviluppato tecniche sempre ingegnose per mettere fuori uso quei sistemi di antintrusione quanto meno poco aggiornati. Per i furti d’appartamento negli ultimi anni sono state affinate le tecniche per aggirare i sistemi d’allarme.

Per gli apparecchi non recentissimi basta mandare in corto circuito la centralina prima di entrare in casa. Per gli altri si può disattivare la sirena spruzzando dentro una schiuma di polistirolo espanso che fuoriesce da bombolette spray. E il suono dell’allarme è attutito completamente. Con l’impiego congiunto di jammer, bombolette spray e diavolerie elettroniche il compito dei dispositivi antintrusione si fa sempre più difficile. Aggiornare dunque i dispositivi antinrusione diventa la parola d’ordine. Il primo livello di intervento è contro i micidiali jammer. Secondo gli esperti la soluzione sta in un accurato abbinamento di protezione perimetrale (sensori) e interna (rivelatori volumetrici), unito a doppie sirene, a combinatori telefonici antiaccecamento – contro i jammer appunto – che utilizzano sia la linea fissa che la linea gsm, consente di avere un buon livello di sicurezza. Un sistema di antintrusione misto di questo tipo è utile anche contro le possibili azioni di annientamento degli stessi sistemi di allarme.

In generale per aumentare il livello di sicurezza dei sistemi d’allarme e antintrusione è necessario aggiornarli con il software più moderno, e se necessario farli sostituire, oppure integrare con gli ultimi ritrovati della tecnologia. Solo così si può avere una maggiore sicurezza in casa e una protezione realmente efficace contro furti e rapine.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...