Dare profondità agli spazi con le applique da parete

Pubblicato: 11 marzo 2014 in Shopping
Tag:, , ,

Se gli spazi sono angusti e gli arredi non del tutto uniformi, le applique a parete offrono mille soluzioni veloci e interessanti per arredare la casa. Nate nel corso del XVII secolo in Francia, le applique a parete sono in sostanza lampade senza sostegno che si fissano alle pareti con il classico sistema di viti a pressione. Da oggetti reperibili nei negozi di materiali elettrici, le appliques si sono presto trasformate in complementi d’arredo, spesso in prodotti essenziali nel culto del design. Le opportunità che offrono sono tante e vanno ben oltre la semplice illuminazione della casa o degli spazi. Grazie infatti al costante lavoro di designer e stilisti oggi esistono applique a parete di forme e modelli diversi e accattivanti. Dalla semplice lampada da camera, applicata sopra il comodino al lato del letto, a quelle affisse alle colonne, il cui obiettivo è quello di arredare lo spazio esaltandone la profondità. Grazie alla luce soffusa che riescono a generare ed alla direzione orizzontale del fascio di luce, le applique da parete sono spesso impiegate come elementi di arredo e decoro delle pareti o degli ambienti.

Tra le diverse soluzioni di illuminazione della casa, le lampade a parete rappresentano una sorta di categoria a parte poiché, pur essendo spesso utilizzate come integrazione del classico lampadario a sospensione, riescono a conferire carattere allo spazio, aggiungendo dettagli impostanti all’arredamento prevalente. Insomma complementi d’arredo importanti che spesso e volentieri fanno anche la differenza nello stile e nel design. E se fino a ieri l’orientamento era quello di utilizzare le lampade a parete in combinazione con i lampadari a sospensione, oggi le cose sembrano cambiare. I progettisti tendono adesso ad utilizzare le applique da parete in maniera esclusiva. La tendenza risponde anche alle nuove esigenze in fatto di risparmio energetico, con l’utilizzo di più lampade a parete è possibile infatti scegliere di volta in volta quale tenere accesa e quale angolo della camere illuminare meglio. Nel progettare la propria abitazione e dotarla del miglior sistema di illuminazione è da considerare che le applique a parete svolgono una funzione differente a seconda della zona che vanno ad illuminare. In un living sufficientemente grande l’ideale è mixare più tipologie di lampade, ad esempio piccole applique nella zona soggiorno, accanto al divano, e un bel lampadario posto sopra il tavolo nella zona pranzo.

In camera da letto le applique sostituiscono le lampade da comodino, con il vantaggio di non ingombrare il piano d’appoggio. Ma in base alla grandezza della camera ed al design, se ne possono usare altre ancora per illuminare ed arredare angoli o pareti che risultano scarne. Untilizzare i pilastri della casa come elementi d’arredo, dipingendoli con tonalità più scure delle pareti e piazzarci sopra un paio di applique in linea con l’arredamento, sembra essere un’altra soluzione gradita ai designer. Le applique a parete decorano dando profondità agli spazi, l’importante però è saper sciegliere quelle in linea con il proprio arredamento evitando di illuminare la casa con lampade fuori posto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...